Daisypath - Anniversary

Lilypie - Countdown to Adoption

venerdì 7 marzo 2014

Pronti a ripartire... credo


Riassumiamo.



Il 16 dicembre la Princi scappa di casa dopo un litigio con me.



Il 17 la recuperiamo e la comunità se la riprende.



Il 18 va dalla psicologa che decide di proibirci di sentirla e vederla.



Il 19 ce lo comunicano e le faccio l‘ultima telefonata.



Il 20 io porto in comunità le sue cose. Mi trasferisco a Genova.



Il 25 la sentiamo per Natale.



Il 31 le mando un messaggio per Capodanno.



Il 2 gennaio ci dicono che possiamo risentirla.



Dal 9 io e la Princi ricominciamo a parlare per telefono e via messaggio, con regolarità.



Dal 13 sono di nuovo al lavoro dopo il lutto e mi attivo per rivedere la Princi, il che mi riesce in tutto quattro volte, sempre da sola, nei successivi 52 giorni.



Ieri, 28 febbraio, si rivedono finalmente la Princi e l’Uomo.



Il 5 marzo la Princi deve incontrare le sue assistenti sociali.



Il 6 la psicologa ci chiamerà per dirci cosa hanno deciso, e avremo un calendario per vederci.



L’incubo pare stia finendo.



Forse ce l’abbiamo fatta.



E’ difficilissimo raccontare queste settimane. E’ praticamente impossibile riassumere le aspettative, le paure, i dubbi, le speranze per tutto quello che verrà di qui in poi.



Da otto giorni sono chiusa in casa per una congiuntivite grave, complicata da una reazione allergica a un collirio. Quando finalmente ho potuto faticosamente leggere, e cioè giovedì, ho riletto all’indietro il blog fino ad arrivare alle vacanze dell’estate scorsa. Un eone e mezzo fa, sembrerebbe.



Ho letto quanto siamo stati felici nelle piccole cose di tutti i giorni.



Non avevo più avuto il coraggio di rileggere quelle pagine, temevo di aver perso per sempre S., e anche me stessa e l’Uomo come eravamo l’estate scorsa. Ora il sollievo è così forte che potrebbe uccidermi.



Si apre un nuovo capitolo.





1 commento:

  1. ti auguro tanta felicità, quella felicità data dalle piccole cose, che solo chi come te ha passato momenti durissimi, riesce ad apprezzare in pieno.
    un gelato col primo sole di primavera che scalda il viso, un pomeriggio sul divano senza acciacchi con un bel libro, una Princi serena e sorridente , una vita almeno ogni tanto in discesa....... un bacio in fronte, Castagna coraggiosa. Elena

    RispondiElimina